Sab. Mag 25th, 2024

Omegle chiude definitivamente i battenti, triste notizia data dallo sviluppatore.

di Editore Nov15,2023

14 lunghi anni, questo è stato il periodo di vita di Omegle, di sicuro una piattaforma
che ha fatto tanto discutere e parlare, una piattaforma che, sicuramente, ha
accompagnato una grande fetta di utenti di tutto il mondo. Ma ora questa
piattaforma di videochiamate e chat anonime che permetteva a sconosciuti di
entrare in contatto casualmente tra di loro ha chiuso, la notizia ufficiale è arrivata lo
scorso 8 novembre. Omegle è stato creato e guidato fino alla fine da Leif K-Brooks,
un ragazzo che ha lanciato la piattaforma quando aveva poco più di 18 anni. Nella
sua lunga lettera di addio Leif K-Brooks ha spiegato i motivi che lo hanno portato ad
aprire il progetto e soprattutto i motivi che lo hanno portato a chiuderlo. “Cari
sconosciuti, Dal momento in cui ho scoperto Internet in giovane età, per me è stato
un posto magico. Crescere in una piccola città, relativamente isolata dal mondo più
vasto, è stata una rivelazione su quanto ancora ci fosse da scoprire, quante persone
e idee interessanti il ​​mondo avesse da offrire. Da adolescente, non potevo
semplicemente entrare in un campus universitario e dire a uno studente:
“Dibattiamo di filosofia morale!” Non potevo andare da un professore e dirgli:
“Dimmi qualcosa di interessante sulla microeconomia!” Ma online ho potuto
incontrare quelle persone e avere quelle conversazioni. Ero anche un appassionato
editore di Wikipedia; Ho contribuito a progetti software open source; e spesso
aiutavo a rispondere a domande sulla programmazione poste da persone di molti
anni più grandi di me[…]. Tutto ciò mi ha aiutato a imparare e a diventare una
persona a tutto tondo. Inoltre, come sopravvissuto a uno stupro infantile, ero
profondamente consapevole che ogni volta che interagivo con qualcuno nel mondo
fisico, stavo mettendo a rischio il mio corpo fisico. Internet mi ha dato un rifugio da
quella paura. […]. Ho lanciato Omegle quando avevo 18 anni e vivevo ancora con i
miei genitori. Doveva basarsi sulle cose che amavo di internet. Se internet è una
manifestazione del “villaggio globale”, Omegle doveva essere un modo per
passeggiare per la strada di quel villaggio, avviando conversazioni con le persone che
si incontravano lungo la strada”. Continuando nella lettera egli spiega come i costi
erano diventati eccessivi e servivano tanti soldi per gestire tutta la moderazione, per
proteggere gli utenti dagli abusi e per permettere tecnicamente alla piattaforma di
funzionare. Non solo. Addirittura la piattaforma è stata coinvolta in diverse cause
legali, compresa una in cui una ragazza degli Stati Uniti ha accusato la piattaforma di
averla fatta incontrare in chat con un pedofilo. “Per quanto vorrei che le circostanze
fossero diverse, lo stress e le spese di questa lotta – insieme allo stress e alle spese

esistenti per gestire Omegle e combatterne l’uso improprio – sono semplicemente
eccessivi. Il funzionamento di Omegle non è più sostenibile, né finanziariamente né
psicologicamente. Francamente, non voglio avere un infarto a 30 anni. La battaglia
per Omegle è stata persa, ma la guerra contro Internet infuria. ogni servizio di
comunicazione online è stato soggetto agli stessi tipi di attacchi di Omegle; e
sebbene alcune di esse siano aziende molto più grandi con risorse molto maggiori,
tutte hanno il loro punto di rottura da qualche parte. Temo che, a meno che la
situazione non cambi presto, Internet di cui mi sono innamorato potrebbe cessare di
esistere e al suo posto avremo qualcosa di più vicino a una versione truccata della
TV”. La lettera termina con un ultimo saluto e un ultimo ringraziamento a tutti gli
utenti che hanno usato omegle con il solo scopo per il quale era stato utilizzato:
“Talk To Strangers”. “Dal profondo del mio cuore, grazie a tutti coloro che hanno
utilizzato Omegle per scopi positivi e a tutti coloro che hanno contribuito in qualsiasi
modo al successo del sito. Mi dispiace tanto di non aver potuto continuare a lottare
per voi. Cordiali saluti, Leif K-Brooks. Fondatore di Omegle.com LLC”.

di Giuseppe De Martino

By Editore

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *