Sab. Mag 25th, 2024

Al Liceo “Orazio Flacco” di Portici, una studentessa austriaca: intervista a Silvia Oehler

di Editore Mar4,2023

Dall’inizio dell’anno scolastico 2022/23il liceo ” Quinto Orazio Flacco”, ospita una studentessa austriaca: Silvia Oehler. Iscritta nella sezione E dell’istituto con indirizzo linguistico; è stata intervistata dalla redazione di Comete.

Dopo 3 mesi dalla partenza, come ti stai trovando in Italia?

“All’inizio, prima del mio volo, ho pensato molto: è una buona idea fare un semestre all’estero in Italia? Le motivazioni sono molte: tra tutte perché non conosco bene la lingua e perché sarò lontano da casa per molto tempo. Tuttavia, ora sono davvero molto contenta di questa decisione. Il mio italiano è migliorato molto, ho incontrato nuove persone e ho fatto tantissime esperienze. Naturalmente, ci sono giorni difficili, ma penso che sia normale e che tutto faccia parte di questa esperienza”.

Quali sono le differenze tra i due sistemi scolastici?

Nel complesso i sistemi scolastici sono molto simili, infatti anche in Austria abbiamo test scritti e orali. Tuttavia, le modalità sono molto diverse, in Austria i test sia orali che scritti sono più semplici e meno lunghi. Il sistema di valutazione in Austria va da 1 a 5, di cui 1 è il migliore voto mentre il 5 è il voto peggiore. In Austri non hanno un programma scolastico online per vedere i voti, le assenze, sistema, molto utile perché consente di essere ben informati sul proprio percorso scolastico. Per quanto riguarda le lezioni tutti gli studenti possono scrivere con computer portatili o iPad e l’educazione fisica è una materia con molta più importanza rispetto all’Italia.

Silvia spende belle parole anche per la sua famiglia ospitante, sia per i genitori che per i suoi due fratelli ospitanti con i quali passa la maggior parte del suo tempo e che la fanno sentire a suo agio, come a casa. Infine elogia l’Italia e i suoi cittadini definendoli calorosi e gioiosi; ovviamente non sono mancati gli elogi al cibo Italiano che lei ha definito delizioso.

Pietro Cozzolino

By Editore

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *