Mar. Giu 25th, 2024

Pier Paolo Pasolini, lanciata una petizione online per riaprire le indagini sulla sua morte.

di Editore Gen18,2023

ROMA – “Una nuova petizione per chiedere la riapertura delle indagini legate alla
morte di Pier Paolo Pasolini, decisione presa anche dopo le dichiarazioni di Maurizio
Abbatino, legato in passato alla Banda della Magliana, sul furto delle pizze del film
‘Salò e le 120 giornate di Sodoma’ davanti alla Commissione parlamentare
antimafia”. A lanciarla su change.org è l’avvocato Stefano Maccioni, che fece
riaprire le indagini sul caso nel 2009 e già legale del cugino di Pasolini Guido Mazzon,
che esorta a “tutti quelli che hanno lottato per questa verità” a firmare. Perché,
secondo Maccioni, gli elementi per scoprire la verità “sulla barbara esecuzione” di
uno dei più grandi intellettuali del “900 “ci sono, nero su bianco, con nomi e cognomi”
ed è necessario indagare. Lo scorso dicembre, ricorda l’avvocato Maccioni, la
Commissione antimafia “rende noto di aver sentito Maurizio Abbatino, in merito
all’omicidio di Pier Paolo Pasolini e lo stesso avrebbe dichiarato di aver effettuato il
furto delle pizze del film ‘Salò o le 120 giornate di Sodoma’ su commissione.

”Per questo motivo ci appelliamo affinché, a 47 anni dall’omicidio di Pasolini, la
Magistratura disponga la riapertura delle indagini per arrivare alla verità” – spiega il
legale. “Vogliamo sapere come, perché e da chi è stato ucciso Pier Paolo Pasolini.
Una risposta che pretende ogni cittadino che sosterrà la nostra battaglia firmando
questa nuova petizione che è accessibile al sito change.org. affermando con noi il
principio che il tempo dell’oblio, dell’omertà, dell’esecuzione di Stato è finito e che
verità e giustizia non sono una concessione, ma un diritto. Senza scadenza”.
Maurizio Abbatino conclude spiegando che una volta che le firme necessarie
saranno raccolte presenterà il prossimo 5 marzo una istanza a 101 anni dalla nascita
del grande intellettuale.

Giuseppe De Martino

By Editore

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *