Ven. Apr 19th, 2024

Supersex: la nuova serie TV su Rocco Siffredi in arrivo su Netflix.


Supersex è tra le serie TV più attese dei prossimi mesi. Specialmente ora, che Netflix
ha condiviso nuove immagini dal set. A rubare la scena è Alessandro Borghi l’attore
romano che vestirà i panni del pornodivo. Supersex racconta la vita di Rocco
Siffredi, sin dalla sua infanzia: la sua famiglia, le sue origini, il suo rapporto con
l’amore, il punto di partenza e il contesto che lo ha portato a intraprendere la sua
strada nella pornografia”: si legge questo sul profilo di Netflix Italia, a commento
delle prime immagini tratte dal set della serie. Nelle foto si vede Alessandro Borghi
(Rocco Siffredi) e Saul Nanni (Rocco Siffredi da giovane) ma si vedono anche
Adriano Giannini (Tommaso), Gaia Messerklinger (Moana Pozzi), Vincenzo
Nemolato (Riccardo Schicchi) e Jasmine Trinca (Lucia). Purtroppo una data di uscita
non è stata ancora annunciata ma sappiamo che a produrla è Lorenzo Mieli per The
Apartment, una società del gruppo Fremantle, e da Matteo Rovere per Groenlandia,
società del gruppo Banijay. Francesca Manieri è la creatrice e la capo sceneggiatrice
e alla regia si sono alternati Matteo Rovere, Francesco Carrozzini e Francesca
Mazzoleni. Sul set di Supersex, Alessandro Borghi ha girato oltre 50 scene “spinte” in
100 giorni scarsi di riprese. A raccontarlo è stato lui stesso, nel corso di una puntata
del podcast BSMT di Gianluca Gazzoli. Egli ha raccontato come il dialogo sia stato lo
strumento più efficace per distinguere realtà e finzione, ma anche per evitare
imbarazzi. “Tutto quello che farò non sono io, ma il personaggio, e lo fa a favore del
racconto: non sentirti minacciato o infastidito” era solito dire Borghi sul set. Del
resto, interpretare Rocco Siffredi è un lavoro complesso e delicato. E lui, che di ruoli
ne ha interpretati a decine, lo sa. Peraltro, Rocco è stato molto presente. Lo ha
guidato, ma gli ha anche indicato d’essere sulla strada giusta con la sua
commozione. Due volte ha pianto, l’attore hard. E lo ha fatto proprio per la veridicità
di ciò che gli attori hanno portato in scena.

Giuseppe De Martino

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *