Dom. Lug 14th, 2024

NAPOLI STOP ALL’OLIMPICO

L’impatto di Luciano Spalletti sugli azzurri è stato devastante. Otto vittorie su otto partite. Ma all’olimpico di Roma Josè Mourinho ferma l’avanzata partenopea, con un solido 0-0. Occasioni da una parte e dall’altra per provare a sbloccarla: prima Abraham, che, ipnotizzato da Ospina, non trova lo specchio della porta. Segue Victor Osimhen, che colpisce prima il palo e poi la traversa, per vedersi annullare in seguito un gol in fuorigioco. Il Napoli conferma la propria solidità difensiva, difendendo il primato nei primi cinque campionati europei, e tenendosi in ogni caso stretta la vetta della classifica, contesa però dal Milan di Pioli. La Roma, che era chiamata a rispondere dopo la disastrosa sconfitta per 6-1 in Norvegia, dimostra di avere ancora carattere, ma senza strafare. Partita caratterizzata da un discutibile arbitraggio da parte di Davide Massa, sia da una parte che dall’altra, che non ha saputo gestire correttamente il match. Esagerate le espulsioni ai tecnici delle rispettive squadre, ma spesso troppo permissivo in campo. 

Roma – Napoli non può essere un normale incontro di calcio. Tra rivalità, tensioni, qualità ed emozioni, il derby del sole è sicuramente uno degli scontri maggiormente attesi durante la stagione. Non è certamente considerabile ordinaria amministrazione nemmeno per il tecnico azzurro, che fino a qualche tempo fa sedeva dall’altra parte, e fu salutato con non poche polemiche dopo gli episodi che l’hanno visto protagonista nella vicenda Totti. L’unico che poteva raccogliere l’eredità del numero 10 più amato d’Italia, dopo l’addio di De Rossi, è Pellegrini, nelle cui vene scorre il sangue giallorosso. In questo le due tifoserie non sono poi così distanti. Entrambe hanno scelto come condottiero chi meglio le può rappresentare. Così il ragazzo di Frattamaggiore, che ha dato la carica ai suoi, è ormai un grande campione; Lorenzo Insigne, seppur non splendendo come suo solito, dimostra partita dopo partita di possedere la leadership che contraddice un capitano. 

Le statistiche: La Roma ha tirato 13 volte, colpendo solo in un’occasione lo specchio della porta. Il Napoli invece ne ha realizzato 11 tiri, di cui 3 in porta. Gli azzurri dominano il dato sul possesso palla con il 63%, contro il timido 37% dei giallorossi. I passaggi messi a segno dalla squadra di Mourinho sono 312; quella di Spalletti invece ne ha fatti 534. Partita molto fallosa, con 24 interventi fischiati (14 della Roma, 10 del Napoli. La Roma ha ricevuto 4 ammonizioni, il Napoli solo 1. Entrambi gli allenatori sono stati poi espulsi). Gli azzurri si sono fatti trovare 6 volte in fuorigioco: tra queste anche l’occasione del gol del numero 9 partenopeo. La Roma ha battuto 7 volte dalla bandierina, il Napoli 3.  

Francesco Maddaluno

By Editore

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *