Mar. Giu 25th, 2024

15 marzo, giornata del fiocchetto lilla

Istituita dalla Presidenza del consiglio de ministri nel 2018, oggi 15 marzo si celebra la giornata dedicata ai Disturbi del comportamento alimentare (DCA). Il simbolo di lotta è un semplice fiocchetto lilla che serve a sensibilizzare questa giornata così importante. I DCA più frequenti sono l’anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da beinge-eating (BED) ossia alimentazione incontrollata, e obesità.


Perché c’è bisogno di ricordare questa giornata?

Il motivo per cui esiste una giornata del genere è per sensibilizzare e soprattutto normalizzare questo tipo di argomento. Tante persone si vergognano di parlarne, di farsi aiutare, o addirittura di ammetterlo. Perciò c’è l’imminente bisogno di informare l’opinione pubblica riguardo questi disturbi, cosa comportano fisicamente e psicologicamente e come riconoscerli. 

Il fiocchetto lilla, segno della lotta contro questi disturbi, è colore di rispetto e supporto verso tutte le famiglie che lottano ogni giorno.

Numeri e conseguenza della pandemia

In Italia quasi 3 milioni di persone soffrono di DCA, la fascia di età va dai 14 ai 25 anni, ma attualmente i numeri stanno sempre più scendendo poiché si sono riscontrati casi anche verso gli 11 anni di età. Orientativamente il 95% persone che soffrono di questo tipo di disturbi sono giovani donne, mentre l’altro 5% è costituito dal sesso maschile. Molti studiosi ritengono che questi disturbi possano sopraggiungere anche in seguito a traumi infantili, come abusi o molestie, o da una mancata presenza delle madri. 

In seguito al primo lockdown i numeri e le percentuali sono sempre più aumentati soprattutto nei primi mesi, raggiungendo quasi la cifra di 230mila persone affette. La pausa dalla vita sociale, la sedentarietà, e le poche interazioni con l’ambiente esterno, secondo il Centro Nazionale per il Controllo e la Prevenzione delle malattie, hanno portato a queste conseguenze. Era dal 2019 che non si riscontrava un aumento del genere. 

Ilenia Iannone

By Editore

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *