Ven. Apr 19th, 2024

Un giovane tedesco dirigerà il Parco Archeologico di Pompei

Gabriel Johannes Zuchtriegel è il nuovo direttore degli scavi archeologici di Pompei. Il ministro della cultura Dario Franceschini lo ha scelto tra 44 candidati, selezionati da una commissione presieduta da Marta Cartabia, presidente emerita della Corte costituzionale e ministro della Giustizia nel governo Draghi.

Queste le sue prime parole: “Prima di far partire nuovi scavi, bisognerà proteggere la Pompei già scoperta. E lo si farà anche con l’aiuto di nuove tecnologie, dai droni ai sensori di ultima generazione. Inoltre si dovrà rilanciare il territorio che circonda il sito Patrimonio dell’umanità, combattendone il degrado”.

Classe ’81, Zuchtriegel è nato nel sud della Germania a Weingarten, ma dopo aver frequentato l’Università di Berlino e il dottorato a Bonn, ha lavorato sempre in Italia, tant’è che lo scorso 15 luglio ha ottenuto la cittadinanza. Nel 2014-15 ha insegnato all’Università della Basilicata, mentre nel 2015 è andato a dirigere il parco archeologico e il Museo archeologico nazionale di Paestum. E’ anche un pianista di buon livello e si è esibito più volte.

Il direttore tedesco non avrà solo la responsabilità di dirigere uno dei siti archeologici più complessi e importanti al mondo, ma riceve la gravosa eredità di Massimo Osanna, ora direttore generale dei musei italiani. Non sono mancate le polemiche: c’è chi parla di nomina prettamente politica. L’ex soprintendente per i Beni archeologici di Napoli e Caserta Stefano De Caro e Irene Bragantini docente all’Università L’Orientale di Napoli, membri del Comitato scientifico della Soprintendenza per Pompei, si sono dimessi, contestando l’insufficiente qualità accademica di Zuchtriegel.

Carmelo Galdieri

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *